Ultime notizie
Home » Attualità » Il Circolo La Scaletta di Matera ricorda Kengiro Azuma

Il Circolo La Scaletta di Matera ricorda Kengiro Azuma

Kengiro Azuma: morto lo scultore giapponese legato alla città di Matera e famoso per le sue gocce di bronzo. Il cordoglio del Circolo La Scaletta.

Nella notte di sabato 15 ottobre è scomparso lo scultore giapponese Kengiro Azuma. Nato a Tokyo, ma milanese d’adozione, artista libero, alla costante ricerca di un equilibrio tra il vuoto (MU) e il pieno (YU), è ricordato per le sue gocce di bronzo: inni alla vita che nell’impercettibilità del momento nasce e svanisce consacrandone il suo ciclo imperituro.

Ivan Focaccia e Kengiro Azuma
Ivan Focaccia e Kengiro Azuma

Di seguito pubblichiamo una nota del Circolo La Scaletta che lo ricorda con stima e affetto.


La scomparsa improvvisa di Kengiro Azuma rappresenta una perdita umana e culturale per la città di Matera. Il Circolo La Scaletta, che ha avuto fecondi rapporti di collaborazione e di arricchimento culturale con l’artista giapponese, sente profondamente il vuoto che si è creato con la sua morte. Nel 2010 Azuma ha vivificato con le sue sculture la straordinarietà del complesso rupestre “Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci”. Ma accanto alla forza dirompente delle sue kengiro-azumaOpere, Azuma ha donato i valori sinceri della sua amicizia e del suo profondo amore per Matera. La nostra città, infatti, ha rappresentato per lui il luogo preferito per tonificare e rafforzare le sue lievitazioni creative. In particolare Azuma era stato colpito dalla sacralità dei luoghi, tanto da trasferirla nella sua aggiornata tessitura scultorea. Vi è stato un incredibile matrimonio tra la densità ispiratrice di Matera e il nuovo percorso creativo del Maestro. L’interruzione improvvisa di tale percorso, ci addolora ma non ci sconforta perché la rassegnazione non faceva parte della storia di Azuma e anche in questo la sua posizione culturale era analoga a quella di una Città, mai rassegnata e che per millenni ha prodotto nuova storia.

 

Per questo Azuma vive ancora nei nostri progetti e continuerà a colloquiare con noi e con la nostra città.

Ai familiari giunga l’affetto del nostro umano e profondo cordoglio.

 

About Veronica Mestice

Veronica Mestice
Nasco a Milano nel gelido inverno del 1992. Studio Giurisprudenza a Bari perché "io non sono di quelle anime pazienti che accettano l'ingiustizia con viso sereno". Vivo a Matera, la città meraviglia specchio e rovescio delle categorie consuete. Penso, scrivo, racconto utilizzando un mezzo tanto affascinante e ricco quanto riduttivo e improprio, quale è quello mediato della parola.

Check Also

“La lingua geniale” di Andrea Marcolongo a Matera

La lingua geniale, il caso editoriale edito da Laterza, a Matera in un doppio appuntamento …