Ultime notizie
Home » Eventi » Kounellis in mostra al MUSMA in occasione della XII Giornata del Contemporaneo

Kounellis in mostra al MUSMA in occasione della XII Giornata del Contemporaneo

Kounellis in mostra al MUSMA in occasione della XII Giornata del Contemporaneo. Quattordici disegni del Maestro greco, in esposizione fino al 15 gennaio 2017

Il MUSMA partecipa alla XII edizione della Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI con la mostra “Kounellis. 14 disegni 1991”. La manifestazione è organizzata per portare l’arte del nostro tempo al grande pubblico, attraverso l’apertura gratuita dei 24 musei AMACI con la presentazione di artisti e nuove idee, inaugurazioni di mostre, laboratori, eventi e conferenze.

14713754_924836637620260_5061209488947649610_nSabato 15 ottobre sarà inaugurata per l’occasione la mostra KOUNELLIS. 14 disegni / 1991: quattordici studi per l’installazione Senza titolo, realizzata nel 1991 dal grande pittore e scultore greco, tra i protagonisti assoluti dell’Arte Povera. La mostra, a cura di Tommaso Strinati, corredata di una brochure con testo critico di Strinati e Barbara Cinelli, sarà in esposizione, nella Sala della grafica di Palazzo Pomarici, fino al 15 gennaio 2017.

Si tratta di quattordici disegni a matita su carta bianca che mostrano un’intensa e virtuosa riflessione sulla forma dell’installazione, costruita con pannelli di ferro arrugginiti, acido, grate di metallo e tovaglia ricamata, ed esposta per la prima volta nel 1991 alla Galleria dell’Oca di Roma nella mostra Metafore. Giulio Paolini e Jannis Kounellis, a cura di Giuliano Briganti.

Molte delle cose scritte e dette da Kounellis – scrive Giuliano Briganti nel catalogo della Mostra Metafore, 1991 – (…) nascono da un impulso di natura fortemente poetica, un impulso che trova accenti antichi, quasi oracolari…”. È questa una delle chiavi di lettura che, secondo Tommaso Strinati, consente di accostarsi a un segno grafico come quello dei 14 disegni esposti, simile alla scrittura ma denso di materia viva, preludio ai segni sulle superfici in ferro arrugginite dell’installazione vera e propria. L’opera che Giulio Paolini espose assieme a Jannis Kounellis nella mostra Metafore alla Galleria dell’Oca – Contemplator Enim, 1991 – è oggi conservata alla GAM di Torino, tuttavia – sostiene Tommaso Strinati – il dialogo tra di esse non si è mai interrotto, anche in una sorta di simbolica assenza dell’una rispetto all’altra. Scrive ancora Giuliano Briganti: “ (…) l’immagine del mondo (…) ha perso la forza della necessità che l’aveva fatta nascere.”

Nato al Pireo (Grecia) nel 1936, Jannis Kounellis, all’età di 19 anni, si trasferisce a Roma dove studia all’Accademia di Belle Arti con maestri del calibro di Mino Maccari, Franco Gentilini, Ferruccio Ferrazzi e, soprattutto, Toti Scialoja che nel 1960 gli permette di realizzare la prima personale alla Galleria La tartaruga. È negli anni 60 che Kounellis diventa uno dei maggiori esponenti dell’Arte povera, definizione data nel 1967 da Germano Celant ad un gruppo di giovani artisti di diversa formazione e poetica, accomunati dalla messa in discussione della realtà e dal tentativo di riflettere e far riflettere su di essa attraverso opere realizzate con i più svariati materiali e ambientate in luoghi non abitualmente frequentati dall’arte, come fabbriche, cantieri industriali, boschi.

Da sempre innamorato dell’Italia e della sua arte, in particolare delle pitture di Masaccio, Tiziano e Caravaggio, Kounellis sintetizza, nelle sue installazioni, tradizione e contemporaneo. La potenza espressiva dei lavori del celebre maestro agisce sullo spazio in cui essi nascono, i materiali di cui sono fatti non sono mera materia, ma nelle mani dell’artista diventano portatori di una storia che coinvolge sentimentalmente e attivamente lo spettatore.

Il direttore del MUSMA, Tommaso Strinati, incontrerà i visitatori per una conversazione sul Maestro Kounellis in due orari: alle 12 e alle 17.

MUSMA Museo della Scultura Contempornea Matera
Palazzo Pomarici
Via San Giacomo (Sasso Caveoso)
15 ottobre 2016 – 15 gennaio 2017

Giorni e orari di apertura:
dal martedì alla domenica, ore 10.00 – 14.00

Info:
tel. +39 3669357768
emai: info@musma.it

About Veronica Mestice

Veronica Mestice
Nasco a Milano nel 1992, anno che ha cambiato (?) la storia d’Italia. Vivo a Matera, l’eterea città dei Sassi, destinata a diventare la Capitale Europea della Cultura del 2019. Studio Giurisprudenza a Bari, perché “Io non sono di quelle anime pazienti, che accolgono l’ingiustizia con viso sereno”. Librofagia e scrittura le mie passioni, perché ho a cuore il mondo. Affascinata dall’Arte e alla ricerca di un senso. Osservo. Penso. Racconto.

Check Also

Gianrico Carofiglio: testimone inconsapevole a Matera

Gianrico Carofiglio: testimone inconsapevole a Matera. Ha incontrato i materani a Palazzo Lanfranchi durante la …

ciao